Industria per la modellazione dell’acciaio

Ricerchiamo per l’area di Dubai, Emirati Arabi Uniti, una industria per la modellazione dell’acciaio lavorato. Di seguito si riportano le caratteristiche richieste dalla nostra committenza e una descrizione del progetto. 

Caratteristiche

Tipo investimento: diretto
Localizzazione: Dubai, Emirati Arabi Uniti
Valore: 750.000 dollari
Tempi: 180 giorni

Descrizione

Acciaio è il nome dato a una lega composta principalmente da ferro e carbonio, quest’ultimo in percentuale non superiore al 2,11%: oltre tale limite, le proprietà del materiale cambiano e la lega assume la denominazione di ghisa.

acciaio 2

Il processo industriale siderurgico comincia con l’estrazione dei minerali metalliferi contenenti il ferro (che non si trova allo stato puro in natura) dalle cave o dalle miniere. Come per molti metalli, si effettua la frantumazione dei minerali estratti e una successiva macinazione. Questi vengono lavati da polveri e impurità e categorizzati a seconda della concentrazione dei metalli contenuti mediante separazione magnetica o gravitazionale. Seguono poi le operazioni di flottazione, vagliatura, calibratura, essiccazione, calcinazione e arrostimento dei minerali. A questo punto i minerali di ferro sono stati ripuliti dalla maggior parte delle impurità e sono pronti per essere fusi negli altiforni.

La ghisa è una lega ferro-carbonio a tenore di carbonio relativamente alto (> 2,06% fino al 6%); è il prodotto finito risultante dai processi chimici e termici che avvengono all’interno dell’altoforno. L’altoforno è composto dal crogiolo (parte bassa) e dal tino (parte alta). La lavorazione nell’altoforno inizia con la preparazione della cosiddetta carica, ossia un composto a strati di minerale ferroso, coke e calcare, dopodiché questa è introdotta nella bocca dell’altoforno, sita sulla cima del tino, da montacarichi a piano inclinato. La disposizione della carica è a strati alterni di minerale ferroso, coke e calcare. L’aria calda proviene dal Cowper che è un tipo di scambiatore di calore rigenerativo in cui una corrente (d’aria) viene scaldata dal calore delle pareti divisorie di refrattario che a loro volta sono riscaldate dai gas usciti dalla bocca dell’altoforno.

Sei interessato a saperne di più?

Referente del progetto: Dott. Andrea Trolese
Telefono: 059 898989
Email: progetti@110advisory.it

Scopri gli altri progetti in corso